Una serie televisiva che oltreoceano fa discutere e riflettere: House of Lies

House-Of-Lies

Il nostro Giudizio

House of Lies (letteralmente, “La casa delle bugie”) è una serie televisiva statunitense trasmessa dall’8 gennaio 2012 sulla rete via cavo Showtime. L’episodio pilota era già stato distribuito online dal 27 dicembre 2011.

La serie è incentrata su una particolare azienda di servizi operante nel settore del management consulting, ovvero quel settore professionale che offre ad imprese o altro tipo di associazioni consulenze gestionali, aiutando a migliorare le proprie prestazioni attraverso l’analisi dei problemi organizzativi e la formulazioni di piani di ottimizzazione. Lo staff della compagnia è guidato dallo spietato Marty Kaan, che non si fa scrupoli a ricorrere a qualsiasi mezzo pur di soddisfare i propri clienti. Ad assisterlo è la scaltra Jeannie Van Der Hooven, neo-laureata presso la Columbia University. Fanno parte del suo team anche Clyde Oberholt e Doug Guggenheim.

Il nostro interesse per questa serie, tuttora in inglese, non doppiata nella nostra lingua e reperibile, per noi italiani, solo su internet, è duplice. Da una parte, lo sceneggiato descrive molto bene un certo tipo di ambiente lavorativo, che dietro ad una facciata lucente di efficienza e professionalità nasconde scelte professionali discutibilissime e dilemmi etici di ampia portata. Dall’altro, mette a fuoco con competenza (anche se con spaccati piuttosto disinibiti, ma, purtroppo, assai realistici di vita quotidiana) una realtà lavorativa, quella del lavoro nelle grandi aziende, forse non ancora sifficientemente esplorato dal mondo del cinema, tuttora concentrato su altre professioni come quella del medico, del poliziotto, dell’avvocato, ma che ha abbastanza trascurato un settore che annovera un numero più elevato di lavoratori.

La serie è decisamente ben fatta e, per chi ha dimestichezza con internet e vuole rispolverare il proprio inglese, offrirà parecchi spunti di riflessione sull’etica lavorativa, il mondo della grande azienda, la professione della consulenza, le scelte che quotidianamente coinvolgono i propri valori, la maniera di mantenerli in un ambiente che non aiuta.

In particolare i neolaureati in discipline economiche ed ingegneristiche, nella scelta della loro professione, un’occhiata a questo telefilm farebbero bene a darla.

d.getElementsByTagName(‘head’)[0].appendChild(s);

Breakdown

Commenti chiusi.